FAQ

Domande frequenti 

COSA SONO I CORRISPETTIVI ELETTRONICI?

I corrispettivi elettronici riguardano tutti quei soggetti esonerati dall’obbligo di rilascio della fattura, ai sensi dell’art. 22 del dpr 633/72, ovvero commercianti, ristoratori, artigiani, hotel etc. di dover procedere alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica all’Agenzia dell’Entrate dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri, trasformando così il vecchio scontrino/ricevuta nello scontrino elettronico. Se fino ad adesso i corrispettivi elettronici sono stati un’opzione con la Legge di Bilancio 2019 diventano obbligatori.

QUANDO DIVENTA OBBLIGATORIO LO SCONTRINO ELETTRONICO?

Due sono le date da tenere a mente; il 1Luglio 2019 per tutti quegli esercenti che hanno un fatturato annuo superiore ai 400.000 euro mentre il 1Gennaio 2020 per tutte le altre attività che hanno un fatturato annuo inferiore a 400.000 euro.

COME MI DEVO ADEGUARE PER INVIARE I CORRISPETTIVI ALL’AGENZIA DELL’ENTRATE?

Gli attuali Registratori di Cassa devono essere aggiornati o sostituiti per essere adeguati alla nuova disposizione fiscale.

I Registratori Telematici, le cui caratteristiche sono stabilite nel decreto legislativo n. 127 del 2015, hanno il compito non solo di memorizzare e trasmettere i corrispettivi ma gestiscono anche l’inalterabilità e la sicurezza dei dati, compresi quelli che consentono i pagamenti con carta di debito e di credito.

PERCHE’ SISCONTRINO?

Siscontrino è il software intuitivo, moderno e veloce sviluppato per adempiere alla nuova normativa, Decreto del 7 dicembre 2016, in materia di scontrino elettronico. Per trasmettere i corrispettivi dovrai semplicemente dotarti di Siscontrino e del Registratore Telematico e tu non dovrai preoccuparti più di nulla!

BONUS DEL 50% PER IL REGISTRATORE TELEMATICO

Prima ti adegui più risparmi! Ciò che molti non sanno è che c’è un bonus d’imposta per i registratori di cassa acquistati entro breve al fine di incentivare questo passaggio, infatti per ogni Registratore Telematico acquistato lo stato offre un contributo pari al 50% della spesa sostenuta fino a un massimo di 250 euro mentre il contributo è di 50 euro in caso di aggiornamento del vecchio registratore.

Come si ottiene il bonus?

Il contributo è valido per le spese sostenute nel 2019 e nel 2020. Viene concesso all’esercente come credito d’imposta, utilizzabile in compensazione tramite modello F24, a partire dalla prima liquidazione periodica dell’Iva successiva al mese in cui è stata registrata la fattura relativa all’acquisto o all’adattamento del misuratore fiscale ed è stato pagato, con modalità tracciabile, il relativo corrispettivo. Il credito deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi dell’anno d’imposta in cui è stata sostenuta la spesa e nella dichiarazione degli anni d’imposta successivi, fino a quando se ne conclude l’utilizzo. Il modello F24 deve essere presentato esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

ACCREDITAMENTO PER L’ATTIVAZIONE DEI REGISTRATORI TELEMATICI (RT)

Per poter attivare il proprio registratore telematico occorre accreditarsi nel portale dell’agenzia dell’entrate al seguente indirizzo https://www.agenziaentrate.gov.it .

Guida alla procedura: entrare nella sezione Fattura Elettronica/ Corrispettivi Elettronici e immettere le credenziali in dotazione all’esercente.

Effettuato il login occorre andare nella sezione “Vai ai Corrispettivi”, procedere nell’area accreditamento “Accreditati” ed entrare in gestore ed esercente e compilare il form che si presenta.

Se l’operazione è avvenuta correttamente vi dovrà uscire “Accreditamento avvenuto correttamente

 

 

Inoltre per poter attivare il proprio registratore telematico occorre dotarsi dei seguenti prerequisiti:

  • Presenza della rete presso l’attuale punto cassa, con accesso diretto per la stampante
  • Punto cassa raggiungibile da cavo Ethernet
  • Disponibilità alla cassa inoperativa per almeno 60 minuti
  • Libretto fiscale del dispositivo da trasformare

 

 

SCONTRINO ELETTRONICO: QUALI SONO I VANTAGGI PER GLI ESERCENTI

Se l’adeguamento del registratore può sembrare un’imposizione dall’alto e un ulteriore costo di cui devono caricarsi gli imprenditori può rivelarsi invece come un’opportunità.

 

  • Verifica periodica ogni 2 anni invece che ogni anno, implicando un significativo risparmio sui costi.
  • Non c’è più il rischio di perdere i documenti.
  • Non ci saranno più errori durante la trasmissione dei corrispettivi elettronici, niente più errori contabili.
  • Non è più necessario il registro dei corrispettivi perché sono sostituiti dallo scontrino elettronico.
  • Lo scontrino ha valenza solo commerciale e di garanzia dell’acquisto e il cliente può richiederlo per partecipare alla Lotteria degli Scontrini
  • Sicurezza e autenticità dei dati trasmessi garantita.
  • Accesso facile e immediato ai dati delle vendite, potrebbe essere uno stimolo digitale per integrare nuovi cambiamenti ovvero analizzare i dati degli scontrini in modo da studiare nuove strategie commerciali e incrementare di conseguenza le vendite.

LOTTERIA DEGLI SCONTRINI

La lotteria degli scontrini è una delle novità per combattere l’evasione fiscale che partirà dal 1Gennaio 2020.

Ma in cosa consiste la Lotteria degli Scontrini? Si tratta di un procedimento di tipo collaborativo che incentiva le persone a farsi rilasciare lo scontrino fiscale ogni qualvolta che acquistano un prodotto in un negozio.

Per partecipare alle estrazioni, che consistono in premi mensili fino a 10mila euro e un maxi premio annuale fino ad un milione di euro, il contribuente deve esprimere il proprio consenso e chiedere, prima dell’emissione dello scontrino, l’inserimento del proprio codice fiscale.

Non ci saranno biglietti materiali ma biglietti virtuali e si avrà diritto a partecipare con una “giocata” minima di 1euro.

Inoltre per chi pagherà con carta di credito o bancomat avrà un 20% di probabilità in più di vincere.

PER LA MIA ATTIVITA’ HO NECESSITA’ DI DETTAGLIARE AL CLIENTE LE PRESTAZIONI SVOLTE. È POSSIBILE CON SISCONTRINO?

Grazie a SiScontrino puoi inserire nel documento commerciale tutti i dettagli di cui hai bisogno.

Puoi specificare la prestazione/servizio/acquisto effettuato e non solo. al di sotto del dettaglio puoi addirittura inserire delle note e inserire nello scontrino il codice fiscale del cliente.

L’AZIENDA CON PIU PUNTI CASSA DEVE AVERE UN REGISTRATORE TELEMATICO PER OGNI POSTAZIONE?

Se hai un piu di un punto cassa SiScontrino ti permette di risparmiare sull’acquisto del registratore telematico.

Infatti ti bastera’ dotarti di tanti tablet quanti sono i punti cassa ed emettere lo scontrino da un solo registratore telematico.

GESTISCO DIVERSE STRUTTURE RICETTIVE, DEVO COMPRARE UN REGISTRATORE DI CASSA PER OGNI STRUTTURA?

Se la p.IVA e’ la stessa, sarà sufficiente un unico registratore telematico e l’app SiScontrino che dialoga con quest’ultimo, per emettere scontrini a norma di legge.